Tokyo 2020, Clara Guerra: “Io c’ero”

Una Olimpiade è l’evento sportivo più importante e, quindi, esserci e parteciparvi rappresenta il sogno per qualunque atleta di qualsivoglia disciplina.

Rappresentare la propria nazione, come pure il club di appartenenza e/o di provenienza, inorgoglisce l’atleta che si è preparato ben quattro anni (quest’anno per la pandemia cinque) per essere presente, sia pure come riserva.

Così è stato per Clara Guerra (doppio tesseramento Pro Monopoli-Fiamme Gialle), che a soli ventidue anni può dire: io c’ero. In altri momenti analizzeremo il perché di una scelta tecnica, per molti incomprensibile, che l’ha privata della presenza al quarto carrello di quel quattro di
coppia che aveva contribuito a qualificare per Tokyo.

Oggi rimane la felicità di essere presente, giovanissima, all’evento clou della stagione. Del resto, la sua forza l’ha ribadita vincendo, sul singolo, la regata indetta per le riserve. Parigi, fra tre anni, la vedrà sicura protagonista insieme al promonopolitano doc, Emanuele Fiume, frenato quest’anno da molteplici guai fisici, compresa una frattura costale da sforzo.


Total
7
Shares
Articolo precedente

Calciomercato: Sirene rossonere per Nicoletti

Articolo successivo

Alla Città di Monopoli il premio "Cuore Mediterraneo"

Articoli correlati